Le cause della tendinite al piede

Cause Tendinite Piede

La tendinite al piede è un’infiammazione del tendine dovuta a una lesione. Questo fastidio può causare dolori articolari, rigidità e influenzare il modo in cui si muove il tendine del piede e la caviglia. La tendinite solitamente può essere curata in pochissimi giorni (massimo due o tre settimane) attraverso il riposo, l’utilizzo di impacchi ghiacciati sulla zona infiammata e con il supporto di ausili come tutori ortopedici o tutori per caviglia. In sostanza la tendente dura massimo tre settimane e può essere risolta con il semplice aiuto del medico di famiglia.

Tipologie di tendinite

Esistono diverse tipologie di tendinite del piede e della caviglia, a seconda della zona e dell’infiammazione. L’infiammazione del tendine di Achille colpisce la parte posteriore della caviglia e riguarda il grande tendine che attacca i muscoli del polpaccio alla parte posteriore del tallone. La tendinite di Achille è caratterizzata da un dolore localizzato sopra l’area in cui il tendine si attacca all’osso del tallone. Questa è la parte più debole del tendine e di solito è il punto in cui si verificano le lesioni del tendine (ad esempio facendo attività sportiva in modo scorretto o mettendo eccessivamente otto sforzo il corpo). La lesione può essere causata anche da una scarpa poco adatta al nostro piede.

La tendinite tibiale posteriore è solitamente associata al difetto dei piedi piatti . Il tendine del muscolo tibiale posteriore avvolge la parte interna (lato dell’alluce) della caviglia (malleolo mediale) e il collo del piede. Quella zona è di solito soggetta a dolore e gonfiore.

I piedi piatti mostrano una posizione anormale del piede in cui le dita si allargano verso l’esterno rispetto alla parte posteriore del piede. Il piede spesso continua ad appiattirsi e allargarsi verso l’esterno se la tendinite tibiale posteriore diventa un problema cronico e ricorrente. Potrebbe essere necessario un plantare apposito o delle cure di fisioterapia.  La tendinite dei Peronei riguarda i tendini dei muscoli peronei, che avvolgono la parte esterna (dal lato del mignolo) della caviglia (malleolo laterale). In quest’area possono verificarsi dolore e possibile gonfiore. I piedi ad arco alto e una storia di distorsioni ricorrenti della caviglia sono talvolta associati a questo tipo di tendinite.

La tendinite dei tendini dei flessori si manifesta con un dolore caratteristico in profondità nella parte posteriore della caviglia, dal lato dell’alluce. Questo tipo di tendinite si riscontra solitamente nei pazienti che praticano danza o attività sportive che prevedono il bilanciamento dei piedi e delle dita.

Invece, la tendinite che colpisce i tendini estensori della parte superiore del piede è causata dallo sfregamento del piede contro la scarpa o, meno frequentemente, da condizioni infiammatorie come l’artrite reumatoide. I piedi ad arco alto sono più suscettibili all’attrito della scarpa che causa questo tipo di tendinite.

Sintomatologia

l sintomo principale della tendinite è il dolore localizzato nella sede anatomica in cui si trova il tendine coinvolto dalla lesione. Tale sensazione dolorosa si accentua o compare esclusivamente durante la palpazione dell’area interessata o durante movimenti attivi e passivi che coinvolgono in maniera importante il tendine lesionato.

Spesso, si registra un deficit nella forza dei muscoli collegati ai tendini lesionati. Una rottura completa o parziale del tendine causa un dolore acuto ed improvviso che insorge solitamente durante un movimento impegnativo. Le avvisaglie caratteristiche della tendinite comprendono dolore e, occasionalmente, gonfiore durante l’attività sportiva o stiramento del tendine interessato.

Il dolore è solitamente alleviato dal riposo, sebbene il tendine interessato possa essere doloroso al tatto. Il fastidio si registra soprattutto quando viene iniziata un’attività, come alzarsi e camminare, anche se può essere percepito solamente all’inizio dell’attività per poi scomparire dopo il riscaldamento.

Origine

Ci sono diverse cause di tendinite del piede e della caviglia. In primo luogo lo sforzo  eccessivo: la causa più comune di tendinite è lo sforzo eccessivo del tendine, il che significa che un tendine è eccessivamente allungato e potrebbe subire un piccolo strappo o lacerazione. Ciò si verifica quando c’è un aumento dell’attività, che può includere qualsiasi cosa, dal camminare alla partecipazione a sport competitivi.

Un’altra motivazione che può scatenare questa infiammazione è la struttura del piede anormale: problemi come piedi piatti o archi alti possono creare squilibri muscolari che mettono sotto stress uno o più tendini. Anche un trauma può concorrere all’insorgere dei sintomi: una lesione al piede o alla caviglia può infatti causare la tendinite. Ciò può verificarsi ad esempio con un movimento improvviso e potente come il salto. Un’altra forma di trauma è lo sfregamento cronico contro una scarpa, che si verifica più spesso nella parte superiore del piede o del tallone, con conseguente tendinite in quelle aree.

Alcune condizioni mediche che causano un’infiammazione generale possono portare a tendinite del piede e della caviglia (ad esempio l’artrite reumatoide, la gotta e le malattie reumatiche croniche possono causare tendinite achillea o tendinite tibiale posteriore)

Diagnosi e trattamento

Il principio generale per il trattamento della tendinite del piede e della caviglia è quello di dare riposo alla lesione in modo che il corpo possa guarirla in autonomia. Questo richiede tempo, di solito settimane o mesi.

Il medico di famiglia può consigliare tutori ortopedici o scarpe ortopediche per mantenere il piede e la caviglia immobilizzati. I farmaci prescritti sono solitamente antinfiammatori non steroidei come l’ibuprofene o il naprossene, efficaci nella diminuzione dell’infiammazione con l’inibizione della sintesi delle celle infiammatorie e di altri fattori, quali le prostaglandine. Il medico può anche raccomandare un trattamento domiciliare con glassa (o Cryotherapy, cioè l’alternanza di caldo e freddo) e stretching.

Il medico può anche prescrivere una radiografia o risonanza magnetica per vedere se si tratta di una frattura, una calcificazione o una rottura del tendine, che potrebbe richiedere a questo punto una diversa forma di trattamento: un tendine strappato richiede l’immobilizzazione con un gesso o un tutore e può anche richiedere un intervento chirurgico.

Condividi questo Post!

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...

Carrello

Nessun Prodotto nel Carrello.