I tipi di stampelle ortopediche

INDICE

In seguito a un intervento chirurgico, soprattutto in fase riabilitativa, è molto importante scegliere i tipi di stampelle ortopediche adatte alle proprie necessità e bisogni. Le stampelle ortopediche rappresentano un ausilio fondamentale per chi ha subìto una delicata operazione e vuole riprendersi nel minor tempo possibile, anche e soprattutto per affrontare serenamente il periodo di riabilitazione.

Ma come funzionano le stampelle e qual è il miglior criterio per scegliere questo importante supporto? Scopriamolo insieme nelle prossime righe.

Le stampelle ortopediche regolabili

Il paziente che sta per scegliere una stampella ortopedica dovrà tenere a mente alcuni accorgimenti per selezionare il modello più corretto alle proprie esigenze. Il punto di partenza è sicuramente optare per le stampelle ortopediche regolabili. Questa categoria è molto ampia, perché al suo interno contiene altre tipologie di stampelle ortopediche con tantissime peculiarità differenti, come ad esempio le stampelle canadesi. Queste ultime fanno parte della famiglia delle stampelle regolabili e godono di moltissimi vantaggi: vediamoli di seguito.

Tipologie e caratteristiche della stampelle canadesi

Le stampelle canadesi, o stampelle antibrachiali, sono le classiche stampelle che siamo abituati a vedere nella quotidianità e sono caratterizzate da un appoggio sull’avambraccio. Il fine essenziale delle stampelle canadesi è quello di sorreggere il paziente, ma allo stesso tempo aiutano il soggetto a non caricare il peso sulla parte lesionata del corpo.

In genere, le stampelle canadesi vengono usate quando una persona si sta riprendendo da un’operazione alla gamba, a un’anca o ginocchio e ha difficoltà di deambulazione. Anche nel caso in cui ci si trovi a dover indossare un gesso o tutore, in seguito alla rottura di ossa o tessuti, è consigliatissimo l’uso delle stampelle per muoversi più agilmente ed essere autonomi. Solitamente, le stampelle canadesi vengono vendute in coppia, anche se può essere richiesta una sola stampella in base alle esigenze specifiche del paziente.

Nella parte superiore, le stampelle canadesi sono composte da un’impugnatura, solitamente antiscivolo, e un appoggio posizionato all’altezza dell’avambraccio. I modelli più recenti sono dotati di una fascia catarifrangente, così da individuare il soggetto al buio o a distanza e permettere al paziente di uscire di casa per delle passeggiate.  Nella parte inferiore delle stampelle sono presenti dei gommini antiscivolo che servono a dare la massima stabilità e sicurezza al supporto. Le stampelle canadesi sono regolabili in altezza e si adattano perfettamente alle esigenze e alla conformazione di qualsiasi utilizzatore.

Le stampelle ortopediche colorate 

Per i ragazzi e i bambini che si apprestano a vivere un momento delicato come la riabilitazione, le stampelle ortopediche colorate doneranno un po’ di allegria e divertimento ai giovani pazienti.

Le stampelle ortopediche per bambini rappresentano le stesse caratteristiche delle generiche stampelle ortopediche: dispongono di una lunghezza regolabile e sono utili per facilitare la deambulazione. L’unico aspetto che le differenzia dai supporti per adulti è il peso che rende la stampella molto più leggera e adatta ai più piccoli.

Anche in questo caso esistono stampelle canadesi per bambini, regolabili e con un’impugnatura che si posiziona all’altezza del femore, per permettere all’avambraccio di stabilizzarsi all’estremità della stampella. Le stampelle ortopediche per bambini sono studiate per favorire i movimenti dei più piccoli, senza affaticarli troppo. Di solito hanno un’impugnatura antiscivolo e si bloccano facilmente, così da permettere al fanciullo di vivere la degenza in modo confortevole e sicuro.

 

ATTENZIONE: Le informazioni contenute su questo sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata. Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale è necessario consultare il proprio medico.

Condividi quest'articolo con qualcuno a cui potrebbe essere utile!

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Ti potrebbe interessare anche...

Main Menu