Ernia Iatale: Sintomi e Cura

Ernia Iatale

Un’ernia iatale  si verifica quando la parte superiore dello stomaco si spinge verso l’alto attraverso il diaframma e arrivando nella regione toracica. Ma cos’è il diaframma? Si tratta di una  sottile parete muscolare che separa la cavità toracica dall’addome. L’apertura nel diaframma è dove lo stomaco e l’esofago si uniscono. Il disturbo si verifica quando la parte superiore dello stomaco spinge attraverso un’apertura nel diaframma e nella cavità toracica.

Un’ernia iatale può svilupparsi in persone di tutte le età e di entrambi i sessi, anche se colpisce frequentemente soggetti di età pari o superiore a 50 anni. Questa patologia si verifica più spesso nelle persone in sovrappeso e nei fumatori.

L’ernia iatale è una delle patologie più incomprese in ambito medico che spesso viene chiamata in causa a sproposito. Infatti, a causa dei sintomi digestivi che caratterizzano questa condizione, i pazienti sono abituati a dare all’ernia iatale più colpe di quelle che avrebbe. Tra i disturbi più citati e motivo di richiesta di consiglio al medico ci sono infatti il reflusso gastrico, la nausea e il rigurgito di cibo, patologie simile ma che hanno diversa natura.

Quali sono le cause di un’ernia iatale?

La causa più comune di un’ernia iatale è un aumento della pressione nella cavità addominale. La cavità addominale è lo spazio al centro del corpo che contiene diversi organi, tra cui:

  • parte inferiore dell’esofago e dello stomaco;
  • intestino tenue, colon e retto;
  • fegato;
  • cistifellea, pancreas e milza;
  • reni;
  • vescica urinaria;

Questa pressione può accumularsi a causa di:

  • tosse;
  • nausea;
  • sforzo durante un movimento intestinale;
  • sollevamento di un oggetto pesante;
  • sforzo fisico;

Specialmente negli ultimi casi, è possibile prevenire il dolore dell’ernia iatale dei piccoli accorgimenti e supporti pensati per prevenire i sintomi del mal di schiena da ernia iatale. È possibile sviluppare questa patologia anche durante la gravidanza o in casi di obesità, quando è presente liquido indesiderato all’interno dell’addome.

Un’altra causa è l’eccessiva pressione sui muscoli intorno allo stomaco. Questo può accadere in casi di tosse, vomito, sforzo durante i movimenti intestinale e sollevamento di oggetti pesanti.

Tra i fattori che aumentano il rischio di ernia iatale è possibile trovare l’obesità, l’invecchiamento e il fumo.

Diagnosi e sintomatologia dell’ernia iatale

È difficile riconoscere e diagnosticare i sintomi di un’ernia iatale. Alcuni pazienti con questo disturbo, riscontrano gli stessi problemi di chi viene colpito dalla malattia da reflusso gastroesofageo, o GERD. La GERD si verifica quando i succhi digestivi si spostano dallo stomaco all’esofago. I sintomi di GERD includono bruciore di stomaco, sapore amaro o aspro nella parte posteriore della gola, gonfiore e eruttazione, disagio o dolore allo stomaco e all’esofago. Sebbene sembri esserci un legame tra ernia iatale e GERD, una condizione medica non sembra causare l’altra. Molte persone hanno un’ernia iatale senza avere GERD e altri hanno GERD senza avere un’ernia iatale. Un sintomo molto riconoscibile dell’ernia iatale è il dolore al petto. Poiché il dolore al petto può anche essere un sintomo di un infarto, è importante contattare il proprio medico o andare al pronto soccorso, soprattutto se ci si trova in età avanzata.

In ogni caso, diversi test possono essere eseguiti per aiutare a diagnosticare un’ernia iatale rispetto alla GERD. Questi esami includono un test della deglutizione con bario, una procedura endoscopica, studi manometrici esofagei, un test del pH e studi di svuotamento gastrico.

Una deglutizione baritata comporta il consumo di un liquido speciale, quindi l’assunzione di raggi X per aiutare a vedere i problemi nell’esofago (come i disturbi della deglutizione) e nello stomaco (come ulcere e tumori). Mostra anche quanto è grande l’ernia iatale e se c’è una torsione dello stomaco a causa dell’ernia. Un endoscopia è una procedura in cui l’interno del sistema digestivo superiore è visualizzato con un endoscopio (un lungo e sottile, strumento flessibile circa mezzo centimetro di diametro).

Una manometria esofagea misura la forza e la coordinazione muscolare dell’esofago durante la deglutizione. Un test del pH misura i livelli di acido nell’esofago e aiuta a determinare quali sintomi sono correlati all’acido nell’esofago.

Gli studi sullo svuotamento gastrico esaminano il modo in cui il cibo veloce lascia lo stomaco. I risultati di questo test sono particolarmente importanti nei pazienti che hanno nausea e vomito. Potrebbero esserci altre cause di nausea e vomito oltre a un’ernia iatale.

Ernia iatale: cibi da evitare e sane abitudini

La maggior parte delle ernie iatali non causa problemi e raramente necessita di cure. Tuttavia, poiché alcuni pazienti con un’ernia iatale presentano sintomi simili al GERD, il trattamento inizia con gli stessi metodi utilizzati per chi soffre di reflusso gastroesofageo. Il principale sforzo richiesto al paziente è apportare modifiche allo stile di vita e seguire una vera e propria dieta per l’ernia iatale. Sicuramente il soggetto colpito da questo fastidio dovrà: perdere peso; diminuire le dimensioni delle porzioni dei pasti e mangiare lentamente; evitare alcuni cibi acidi, come il pomodoro o i succhi di frutta confezionati, che possono irritare il rivestimento esofageo; limitare cibi fritti e grassi, bevande contenenti caffeina (incluso il cioccolato); peperoncino; bevande gassate, alcolici, cibi già pronti e precotti. Un’altra indicazione importante è mangiare i pasti almeno tre o quattro ore prima di coricarsi ed evitare tassativamente gli spuntini prima di andare a dormire.  Una volta stesi è consigliato mantenere la testa più alta rispetto al corpo: avere un letto reclinabile è molto utile per inclinare il materasso e posizionarsi nel modo più funzionale possibile.

I farmaci da banco possono alleviare i sintomi dell’ernia ietale?

L’assunzione di farmaci dopo aver mangiato per ridurre l’acidità nello stomaco è assolutamente consentita: il Gaviscon è un buon prodotto antiacido utilissimo in questo senso. Anche farmaci inibitori della pompa protonica possono essere usati per trattare l’ernia iatale. Questi farmaci rappresentano un altro modo per ridurre la quantità di acido gastrico, che può aiutare a prevenire il reflusso.

Quanto è efficace la chirurgia per un’ernia iatale?

La riparazione laparoscopica dell’ernia iatale e del reflusso, chiamata funcoplicatio di Nissen-Rossetti, è molto efficace nella maggior parte dei pazienti. Questo intervento richiede l’ anestesia generale e una breve degenza in ospedale. Dopo l’intervento chirurgico, la maggior parte dei pazienti non richiede più un trattamento a lungo termine con farmaci antiacidi da prescrizione o da banco.

Condividi questo Post!

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...

Main Menu